28 Novembre 2022

Domegge di Cadore

Tutto il meglio delle Dolomiti e del Cadore

Olio di CBD per il dolore cronico e l’artrite reumatoide

Olio di CBD per il dolore cronico e l'artrite reumatoide

Quando si tratta di dolore cronico, l‘olio di CBD è uno dei trattamenti più promettenti oggi disponibili. Tuttavia, ci sono alcune cose da tenere a mente, come ad esempio cosa evitare e come può interagire con altri farmaci che si stanno assumendo. Il miglior olio di CBD non contiene conservanti chimici o strani additivi e contiene solo estratto di canapa e aromi naturali. Alcune aziende producono oli di CBD con aromi artificiali, che non aiutano a ridurre i livelli di dolore ed alterano la composizione chimica del fitocomplesso.

Artrite reumatoide

L’uso di olio di CBD per il dolore cronico e l’artrite reumatoide può dare sollievo. Molte persone si rivolgono al CBD per l’artrite per il suo potenziale di riduzione del dolore e dell’infiammazione. Tuttavia, è importante usare cautela quando si usa il CBD. Come per ogni nuovo farmaco, potrebbe non funzionare per ogni individuo, quindi è necessario consultare un medico prima di provarlo.

Il CBD agisce sull’attività di due recettori dei cannabinoidi, chiamati CB1 e CB2. I recettori CB1 si trovano nel cervello e nel midollo spinale, nella regione responsabile della percezione del dolore. I recettori CB2 sono associati al sistema immunitario e inibiscono la risposta infiammatoria. Per questo motivo, il CBD aiuta a ridurre il dolore e l’infiammazione e può persino prevenire la progressione della malattia.

Terapia combinata

Un recente studio condotto in Nuova Zelanda ha mostrato risultati promettenti quando si tratta di combinare l’olio di CBD con altri farmaci per il trattamento del dolore cronico. Nello studio, i pazienti hanno riportato una diminuzione complessiva della gravità del dolore e un miglioramento della qualità della vita. Inoltre, è stata dimostrata la sicurezza del trattamento per l’uso a lungo termine.

Quando si parla di olio CBD, è importante scegliere un prodotto di altissima qualità. Purtroppo, l’etichettatura e i test dei prodotti online non sono sempre accurati e i pazienti devono prestare attenzione al momento dell’acquisto. Per fare la scelta migliore, è importante controllare il contenuto di THC e la qualità. Alcuni Paesi hanno normative meno severe di altri, il che può portare a informazioni imprecise sul prodotto.

Effetti collaterali

Il CBD ha effetti antinocicettivi e antinfiammatori in diversi modelli animali di dolore neuropatico e la sua attività analgesica è stata dimostrata nei topi. Il suo effetto analgesico è dose-dipendente, con il CBD che sopprime l’allodinia e potenzia l’antinocicosi indotta dalla morfina.

L’effetto antinocicettivo del CBD era mediato dall’attivazione del sistema serotoninergico a livello dei recettori 5HT1a. Questo effetto è stato impedito dalla somministrazione di WAY100135, un antagonista selettivo dei recettori 5HT1a, ma non è stato inibito dagli antagonisti dei recettori CB1, CB2 o glicina. Questo trattamento ha ridotto l’allodinia meccanica e ha impedito una diminuzione dei livelli di serotonina nel midollo spinale.

Cannabidiolo

I ricercatori hanno esaminato gli effetti del cannabidiolo, o CBD, sul dolore cronico e hanno scoperto che le prove sono contrastanti. Hanno trovato prove di effetti positivi, ma non molte prove di effetti negativi. Lo studio ha analizzato i dati provenienti da vari database, tra cui PubMed, PMC, Medline e Cochrane Library. Sono stati inclusi anche studi che hanno esaminato gli effetti del THC sintetico.

Man mano che la cannabis diventa legale in un maggior numero di Stati, sempre più persone si rivolgono ai derivati della cannabis per scopi terapeutici. Sebbene il CBD si sia guadagnato la reputazione di “parola d’ordine”, in realtà c’è molta scienza dietro questo integratore. È inoltre importante notare che questo tipo di trattamento non è ancora approvato dalla FDA per l’uso negli adulti.

I ricercatori hanno scoperto che l’olio CBD può aiutare a contrastare il dolore cronico causato da cancro, fibromialgia e dolore neuropatico. Tuttavia, prima di provare l’olio di CBD per una di queste condizioni, è bene parlarne con il proprio medico.